informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come fare una scheda libro: dritte e consigli utili

Commenti disabilitati su Come fare una scheda libro: dritte e consigli utili Studiare a Padova

Se ti stai domandando come fare una scheda libro e stai vagando sul web alla ricerca di dritte e consigli utili, allora sei finalmente arrivato sulla pagina giusta.

L’Università Telematica Niccolò Cusano di Padova, consapevole della difficoltà incontrata da tantissimi studenti nel realizzare un lavoro rispondente alle aspettative dei professori, ha realizzato questa piccola guida pratica, nella quale sono raccolte e sintetizzate le principali linee guida.

Partiamo da un’importante premessa, valida soprattutto per chi ha pensato di fare il ‘furbetto’ e di risparmiare tempo e impegno sfruttando le sintesi presenti in rete: il libro sul quale realizzare la scheda deve essere letto con attenzione.
Basarsi sui riassunti disponibili online, o peggio ancora leggere soltanto alcune parti di un libro nel disperato tentativo di abbozzare una sorta di collage caotico e sconclusionato, è assolutamente controproducente.

Cos’è

Prima ancora di spiegare nel dettaglio come fare una scheda libro perfetta proveremo a rendere un’idea precisa di cos’è e a cosa serve.

Si tratta in parole molto semplici di una composizione che mira a presentare un testo attraverso una serie di dati e informazioni quali ad esempio l’autore, i personaggi, la trama, il genere, la collocazione storico-sociale del racconto …

Passiamo ora ad analizzare la funzione.

La scheda di lettura serve al professore per capire il grado di comprensione di un libro da parte dell’alunno.

Per lo studente invece, la redazione di una scheda nella quale siano riassunte in maniera schematica e sintetica le principali informazioni di un testo letto, può risultare utile per studiare meglio e più velocemente.
Allo stesso modo rappresenta uno strumento estremamente efficace per le sessioni di ripasso, dal momento che fornisce le parole e i concetti chiave necessari per seguire un filo logico, ordinato e coerente.

Struttura

Dopo aver letto questo paragrafo, incentrato sull’impostazione della scheda di un libro, ti consigliamo di predisporre una sorta di scheletro della struttura.
Con una scaletta da seguire il lavoro di redazione risulterà molto più agevole e veloce.

Entriamo ora nel vivo del nostro post e cerchiamo di capire quali sono gli elementi necessari per presentare un libro nel migliore dei modi.

A differenza della recensione, la scheda si basa su uno schema ben preciso che di seguito andremo ad analizzare, punto per punto.

  • Autore
    Inserire qualche breve cenno biografico sullo scrittore; focalizzarsi soprattutto sugli elementi che aiutano a comprendere se e in che modo la vita dell’autore ha influenzato il testo.
    Attenzione a non dilungarti troppo rischiando di trasformare la scheda in un tema sullo scrittore.
  • Titolo del libro
  • Dati tecnici del testo quali ad esempio numero di pagine, prezzo e rilegatura.
  • Città e anno di pubblicazione
    Inserire informazioni su dove e quando è stato pubblicato il testo, affinché risulti più facile inquadrare l’opera sia a livello storico che sociale.
  • Editore
    Indicare la casa editrice che ha pubblicato il libro.
  • Genere
    Indicare la tipologia di testo (es. poetico, narrativo o teatrale) e il genere letterario (romanzo, poema, giallo, diario, fantastico, horror, psicologico); tali informazioni consentono al lettore di comprendere meglio le scelte stilistiche dell’autore e di conseguenza anche la trama.
  • Personaggi principali
    Descrivere brevemente i personaggi principali indicando per ognuno sia i tratti fisici che quelli psicologici e comportamentali. Nella descrizione bisogna inserire anche l’analisi del ruolo che svolgono nell’ambito della storia. Completare con la descrizione della modalità utilizzata per la presentazione del personaggio, specificando se si tratta della tipologia diretta, indiretta o di un’autopresentazione.
  • Personaggi secondari
    Come per i protagonisti anche per i personaggi secondari deve essere effettuata una presentazione, breve e sintetica, che includa le caratteristiche elencate al punto precedente.

struttura di un libro

Altri elementi

Per completare e rendere al meglio l’idea della struttura di un libro è fondamentale aggiungere i seguenti dettagli:

  • Spazio della narrazione
    Indicare i luoghi in cui si svolgono le vicende; descrivere sinteticamente la città e i luoghi in cui avvengono i fatti. L’ideale è effettuare la descrizione attraverso i protagonisti e le relative emozioni e/o sensazioni.
  • Narratore
    Indicare chi racconta la storia; specificare se si tratta di un narratore esterno o interno, se è sempre lo stesso o se cambia.
  • Tempo della storia (fabula)
    Indicare il momento storico in cui si svolge la vicenda; se non coincide con il tempo del racconto (intreccio) bisogna indicare quest’ultimo separatamente. E’ importante presentare l’ambientazione storica e sociale del racconto, indicando se la narrazione procede in ordine cronologico oppure se prevede analessi (detto anche flashback, ovvero rievocazione di fatti avvenuti in un tempo precedente alla narrazione,) e/o prolessi (narrazione di eventi collocati nel futuro).
  • Trama
    Descrivere brevemente la storia, corredando la descrizione con un commento personale, e il più possibile oggettivo, nel quale siano presenti i punti che ti hanno colpito maggiormente. Cerca di non lasciarti sfuggire giudizi soggettivi. E’ altresì fondamentale, in questa sezione, non lasciar trapelare elementi che svelino il finale; bisogna piuttosto essere bravi ad individuare parole chiave che stimolino la curiosità e invoglino alla lettura.
  • Tematiche principali
    Indicare le tematiche trattate dall’autore e i messaggi che attraverso le stesse intende trasmettere e comunicare al lettore; evidenziare quelle principali, mettendole in correlazione alle vicende e ai personaggi.
  • Stile e tecniche di narrazione
    Evidenziare lo stile dell’autore e le tecniche narrative utilizzate; porre attenzione sul lessico (semplice, chiaro, raffinato, ricercato, aulico), sulla tipologia di frasi (brevi, semplici, complesse), sulla prevalenza di cooordinate o subordinate, sulla punteggiatura, sulla tipologia di termini, sulle sequenze narrative più frequenti (descrittive, riflessive ecc.) e sul ritmo della narrazione (lento o incalzante).

Consigli utili

Concludiamo il nostro post con una serie di suggerimenti utili per realizzare schede libro perfette.

Nell’ambito di questo paragrafo troverai anche tanti consigli utili che ti consentiranno di evitare gli errori più comuni, commessi generalmente da chi si dedica alla stesura di una scheda con approssimazione e senza conoscere le principali regole e linee guida.

Vediamoli di seguito nel dettaglio:

  1. Impostare una struttura ordinata e intuitiva.
  2. Una lavoro ben fatto deve tendere verso un elevato grado di oggettività; è abilità del recensore far emergere la personale opinione, attraverso il taglio della descrizione e la scelta delle citazioni.
  3. Inserire qualche citazione ripresa dal libro a condizione che siano brevi, che sostengano le affermazioni e, ovviamente, che non svelino alcun elemento sul finale.
    L’obiettivo delle citazioni è evidenziare i concetti ritenuti particolarmente importanti.
  4. Prediligere un linguaggio chiaro e semplice; il documento deve risultare snello e di immediata comprensione.
  5. Al termine della redazione verificare l’esattezza delle informazioni inserite.
  6. Evitare gli errori controllando con particolare attenzione la grammatica, la punteggiatura e l’ortografia.
  7. Accertarsi che la scheda risulti: essenziale, accattivante, leggibile e interessante.
  8. Utilizzare uno stile oggettivo e impersonale nell’ambito del quale siano presenti brevi commenti su fatti e personaggi.
  9. Curare l’aspetto visivo suddividendo il testo in paragrafi, ognuno dei quali introdotto da un titoletto.

Un ultimo consiglio, che in realtà si riferisce al primissimo step riguardante la fase di redazione: per agevolare e velocizzare il lavoro ti suggeriamo di predisporre una sorta di schema; lavorando sulla base di uno scheletro riuscirai ad orientarti con maggiore facilità, senza perdere il filo del discorso.

Ora che hai a tua disposizione tutti gli elementi necessari per redigere una scheda libro perfetta, o quasi, non ti resta che metterti al lavoro e iniziare la redazione seguendo i suggerimenti e le linee guida che ti abbiamo fornito nel corso di questo post.

Buon lavoro!

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.