informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono le domande illegali durante un colloquio di lavoro e come rispondere

Commenti disabilitati su Quali sono le domande illegali durante un colloquio di lavoro e come rispondere Studiare a Padova

Il colloquio di lavoro è un momento importante, un’opportunità dalla quale può dipendere il futuro professionale di una persona.
Sono tanti i dubbi che affliggono un candidato che si prepara ad affrontare la selezione: Come vestirsi? Come rispondere? Cosa chiedere all’intervistatore per fare colpo; in pochi però si chiedono come rispondere alle domande illegali. Forse perché in pochi sanno che alcuni quesiti non dovrebbero assolutamente essere posti, in quanto discriminatori e illeciti.

Disponibilità, impegno, efficienza e soprattutto flessibilità: le domande illecite poste in fase di colloquio di lavoro da parte di alcuni intervistatori ‘impertinenti’ sono finalizzate ad evidenziare proprio la presenza di tali requisiti.

Lo stile di vita del candidato e tutti i dettagli afferenti alla sfera privata servono ad evincere eventuali ‘interferenze’ con la tipologia di lavoro e i relativi orari.

Domande illegali in fase di colloquio di lavoro: le 10 più frequenti

  1. Sei sposato/a?
  2. Hai figli? Come pensi di gestirli?
  3. Da quale nazione provieni?
  4. Quali festività segui?
  5. Hai Debiti?
  6. Sei mai stato arrestato/a ?
  7. Bevi alcol?
  8. Quando è stata l’ultima volta che hai fatto uso di droghe illegali?
  9. Sei disabile? Hai mai sofferto di disabilità?
  10. Da quanto tempo lavori?

Come si può facilmente notare tutte le domande sono accomunate da una base di discriminazione, elemento che non può essere preso in considerazione per un eventuale assunzione.

Come rispondere alle domande illecite per non pregiudicare il colloquio di lavoro

Dal momento che conosciamo esattamente quali sono i quesiti illegali bisogna fare attenzione alla reazione; è fondamentale adottare un approccio che limiti l’intromissione dell’intervistatore nella nostra vita privata ma che allo stesso tempo non comprometta l’esito del colloquio.

Qualunque strategia decidiamo di adottare è importante che il nostro atteggiamento risulti sempre cortese.

Di fronte a una domanda troppo impertinente e poco attinente alla tipologia di impiego possiamo scegliere di non rispondere affatto, facendo notare al selezionatore che non è rilevante ai fini di un eventuale assunzione. Sempre ovviamente con educazione.

L’alternativa potrebbe essere quella di rispondere in maniera indiretta, fornendo cioè al nostro intervistatore furbetto le informazioni che intende carpire attraverso una serie di deduzioni.

Facciamo un esempio per chiarire il concetto.

Domande classiche del tipo: ‘sei sposato?’ oppure ‘hai figli?’ nascondono l’intento di capire quanto il candidato sia disposto, oppure abbia la disponibilità concreta, a spostarsi periodicamente per trasferte di affari, a trattenersi in ufficio oltre l’orario di lavoro e assecondare eventuali imprevisti con impegno e flessibilità.
Afferrato l’obiettivo vero del quesito si potrebbe rispondere tranquillamente con l’effettiva disponibilità che si è disposti a garantire in caso di assunzione.

Cerchiamo però di non perdere di vista il vero valore che potremmo eventualmente portare nella realtà operativa nella quale ci apprestiamo ad entrare: le nostre competenze.

La specializzazione di un corso di aggiornamento professionale o di un master rappresentano i veri plus sui quali focalizzarsi in fase di colloquio.

Clicca qui e scopri come diventare un professionista, acquisire appetibilità professionale e sbaragliare la concorrenza.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali