informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono le domande illegali durante un colloquio di lavoro e come rispondere

Commenti disabilitati su Quali sono le domande illegali durante un colloquio di lavoro e come rispondere Studiare a Padova

Il colloquio di lavoro è un momento importante, un’opportunità dalla quale può dipendere il futuro professionale di una persona.
Sono tanti i dubbi che affliggono un candidato che si prepara ad affrontare la selezione: Come vestirsi? Come rispondere? Cosa chiedere all’intervistatore per fare colpo; in pochi però si chiedono come rispondere alle domande illegali. Forse perché in pochi sanno che alcuni quesiti non dovrebbero assolutamente essere posti, in quanto discriminatori e illeciti.

Disponibilità, impegno, efficienza e soprattutto flessibilità: le domande illecite poste in fase di colloquio di lavoro da parte di alcuni intervistatori ‘impertinenti’ sono finalizzate ad evidenziare proprio la presenza di tali requisiti.

Lo stile di vita del candidato e tutti i dettagli afferenti alla sfera privata servono ad evincere eventuali ‘interferenze’ con la tipologia di lavoro e i relativi orari.

Domande illegali in fase di colloquio di lavoro: le 10 più frequenti

  1. Sei sposato/a?
  2. Hai figli? Come pensi di gestirli?
  3. Da quale nazione provieni?
  4. Quali festività segui?
  5. Hai Debiti?
  6. Sei mai stato arrestato/a ?
  7. Bevi alcol?
  8. Quando è stata l’ultima volta che hai fatto uso di droghe illegali?
  9. Sei disabile? Hai mai sofferto di disabilità?
  10. Da quanto tempo lavori?

Come si può facilmente notare tutte le domande sono accomunate da una base di discriminazione, elemento che non può essere preso in considerazione per un eventuale assunzione.

Come rispondere alle domande illecite per non pregiudicare il colloquio di lavoro

Dal momento che conosciamo esattamente quali sono i quesiti illegali bisogna fare attenzione alla reazione; è fondamentale adottare un approccio che limiti l’intromissione dell’intervistatore nella nostra vita privata ma che allo stesso tempo non comprometta l’esito del colloquio.

Qualunque strategia decidiamo di adottare è importante che il nostro atteggiamento risulti sempre cortese.

Di fronte a una domanda troppo impertinente e poco attinente alla tipologia di impiego possiamo scegliere di non rispondere affatto, facendo notare al selezionatore che non è rilevante ai fini di un eventuale assunzione. Sempre ovviamente con educazione.

L’alternativa potrebbe essere quella di rispondere in maniera indiretta, fornendo cioè al nostro intervistatore furbetto le informazioni che intende carpire attraverso una serie di deduzioni.

Facciamo un esempio per chiarire il concetto.

Domande classiche del tipo: ‘sei sposato?’ oppure ‘hai figli?’ nascondono l’intento di capire quanto il candidato sia disposto, oppure abbia la disponibilità concreta, a spostarsi periodicamente per trasferte di affari, a trattenersi in ufficio oltre l’orario di lavoro e assecondare eventuali imprevisti con impegno e flessibilità.
Afferrato l’obiettivo vero del quesito si potrebbe rispondere tranquillamente con l’effettiva disponibilità che si è disposti a garantire in caso di assunzione.

Cerchiamo però di non perdere di vista il vero valore che potremmo eventualmente portare nella realtà operativa nella quale ci apprestiamo ad entrare: le nostre competenze.

La specializzazione di un corso di aggiornamento professionale o di un master rappresentano i veri plus sui quali focalizzarsi in fase di colloquio.

Clicca qui e scopri come diventare un professionista, acquisire appetibilità professionale e sbaragliare la concorrenza.

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.