informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una lettera di presentazione: consigli e linee guida

Commenti disabilitati su Come scrivere una lettera di presentazione: consigli e linee guida Studiare a Padova

Come scrivere una lettera di presentazione? A cosa serve redigere un ulteriore documento se tutte le informazioni relative alle personali competenze professionali sono già contenute all’interno del curriculum? Esiste un modello standard da utilizzare?

Prima di focalizzarci in maniera dettagliata su ognuno dei suddetti quesiti è d’obbligo una premessa che intende evidenziare il valore di una cover letter ai fini di un contatto per un colloquio di lavoro: redigere un curriculum non è sufficiente per proporre una candidatura efficace.

Consapevole della difficoltà attuale a farsi notare in un mare sconfinato di competitor, l’Università Telematica Niccolò Cusano di Padova, perseguendo la sua mission di supportare i giovani durante e dopo la specializzazione universitaria, ha deciso di realizzare una guida contenente regole e consigli per la stesura di una lettera di presentazione ‘attraente’, quasi perfetta!

Per comprendere fino in fondo l’importanza di redigere un documento curato nei minimi dettagli è necessario evidenziare un dato.
Chi si occupa di recruiting, che si tratti di una società specializzata esterna o di una risorsa interna all’azienda, si ritrova a dover visualizzare decine, centinaia e a volte addirittura migliaia di candidature al giorno.

Non di rado, per snellire il lavoro, i recruiter effettuano una cernita dei curriculum da visionare; e la scelta avviene proprio sulla base delle lettere di accompagnamento.

Lettera di presentazione generica: cos’è e a cosa serve

Entriamo subito nel cuore del nostro articolo e cerchiamo di chiarire quale funzione svolge la cosiddetta lettera motivazionale allegata al curriculum.

Iniziamo col precisare che si tratta del primo approccio che il selezionatore ha con il candidato; così come accennato nel corso del paragrafo introduttivo, dalle informazioni e dallo stile della lettera il recruiter può decidere se aprire il cv o cestinarlo senza neanche visionarlo.

Se il tuo obiettivo è ottenere un colloquio e successivamente, magari, anche un impiego, ti consigliamo di non sottovalutare il documento e di redigerlo con attenzione e cura estreme.

Trattandosi di una lettera motivazionale il suo ruolo è proprio quello di motivare la candidatura, esponendo quelle che sono le ‘motivazioni’ per le quali l’azienda dovrebbe prendere in considerazione l’assunzione del candidato.
La cover letter ha la finalità di spiegare in maniera più dettagliata ciò che è contenuto nel cv, che notoriamente fornisce informazioni sul candidato in maniera piuttosto stringata.

Non è quindi difficile comprendere che all’interno devono essere evidenziate principalmente le caratteristiche personali e le competenze professionali che maggiormente si allineano alle esigenze produttive dell’azienda.

cover letter

Consigli e linee guida per la redazione

La lettera che accompagna il curriculum ha l’obiettivo di incuriosire il selezionatore e di spingerlo ad approfondire la conoscenza del candidato attraverso l’apertura e la lettura del cv.

Per essere vincente deve essere curata sia sotto il profilo contenutistico che strutturale e della forma.

Il primo requisito che deve rispettare una candidatura efficace riguarda la lunghezza: il testo non deve essere troppo lungo. 15 righe, suddivise in paragrafi, sono sufficienti per mettere in evidenza, in maniera chiara, diretta e concisa, le ragioni per le quali il profilo candidato risulterebbe idoneo a ricoprire una determinata posizione all’interno di un’azienda.

È importante, ai fini di una leggibilità scorrevole e di una comprensione immediata, utilizzare periodi semplici e brevi, che esprimano i concetti in maniera concisa, senza inutili ghirigori stilistici e giri di parole. Non dimentichiamo che il tutto deve essere comunicato parlando in prima persona.

Personalizzazione

Passiamo ad analizzare un aspetto che può davvero fare la differenza: la personalizzazione in base al destinatario e alla tipologia di lavoro al quale fa riferimento.

Cosa significa?

Che per quanto esistano modelli ed esempi di lettere di presentazione il contenuto non può essere uguale per tutte le realtà alle quali si riferisce.

Il nostro consiglio, in tal senso, è partire da una ricerca sull’azienda; inizia ad analizzare le varie sezioni del sito web, concentrandoti in maniera particolare sulla sessione ‘mission’ e su quella che ne descrive il core business.
Un’ottima fonte di informazioni, in grado di rivelare la popolarità dell’azienda, è rappresentata dai social network; attraverso Facebook e company è possibile ottenere un dato piuttosto significativo ovvero la soddisfazione e l’opinione del target di riferimento.

Con una base conoscitiva alla mano sarà più semplice impostare la lettera in maniera personalizzata, che risulti il più possibile allineata alle caratteristiche aziendali, produttive e non.

La struttura

Curare il contenuto è sicuramente un passaggio fondamentale per rendere perfetta una lettera di presentazione, ma non basta. Anche l’impostazione gioca il suo importantissimo ruolo.

Per rendere attraente il documento bisogna rispettare una serie di regole.

Partiamo dall’ordine dalle sezioni che compongono la struttura:

  • Nome, cognome, indirizzo e contatti (telefono e email): in alto a sinistra
  • Dati del destinatario: in alto a destra (più in basso rispetto a quelli del candidato)
  • Luogo e data: allineati a sinistra
  • Oggetto, o titolo della lettera, nel quale è indicata la posizione oggetto di candidatura: allineato a sinistra
  • Corpo della lettera: presentazione breve di se stessi e delle proprie caratteristiche professionali
  • Ringraziamenti
  • Saluti
  • Firma
  • Consenso al trattamento dei dati personali (rif. al d.lgs. 196/2003)

Analizziamo nel dettaglio le sezioni più importanti e cerchiamo di capire quali sono le informazioni sulle quali focalizzarsi e quelle che invece possono essere inserite in maniera ‘marginale’ e meno approfondita.

Sulla frase di apertura non c’è molto da dire: deve contenere il nome e cognome del destinatario; se si tratta di una candidatura spontanea, per cui non si conosce il nome della persona che leggerà la lettera, è possibile inserire un’apertura più impersonale come ad esempio ‘spett.le’ seguito dalla denominazione dell’azienda.

Il corpo centrale è quello in cui bisogna motivare la candidatura, focalizzando il testo sulle competenze professionali in linea con le caratteristiche e le richieste dell’azienda.

La parte finale è dedicata ai ringraziamenti e ai saluti.
Ti consigliamo di terminare con una frase che induca chi effettua la selezione a fornire un riscontro, sia in caso di interesse che di non interesse.
Il classico ‘resto in attesa di un cortese riscontro’ è sicuramente la scelta migliore.

Concludiamo il paragrafo con un piccolo stratagemma che contribuisce a rendere appetibile la lettera: l’utilizzo delle parole chiave.
Facciamo un esempio per chiarire il concetto.
Se stai rispondendo a un annuncio nel quale si parla di un determinato profilo, ti consigliamo di riutilizzare nella proposta di candidatura i termini chiave inseriti nell’offerta di lavoro.
Attenzione però ad utilizzare le keyword con intelligenza, contestualizzandole nel testo.
Evita di ridurre il suggerimento ad un mero ‘copia e incolla’ dell’annuncio; otterresti l’effetto contrario.

Gli errori

Capita spesso che, per inesperienza o per ingenuità, i candidati tendono ad impostare la lettera secondo una logica del tutto personale, che per quanto possa sembrare ‘logica’ si rivela controproducente.

Vediamo quali sono gli errori da evitare in fase di redazione.

Il primo, quello forse più comune, riguarda la tendenza ad esagerare con l’esaltazione delle proprie capacità e competenze; risultare eccessivamente narcisisti non è la strategia giusta per fare colpo sul selezionatore.

Nell’ambito della descrizione della tua professionalità devi essere quanto più possibile sincero. Millantare abilità o professionalità inesistenti è alquanto inutile; verresti scoperto!

Pur rischiando di risultare banali ti suggeriamo di rileggere la lettera con estrema attenzione dopo aver completato la fase di redazione. Gli errori, grammaticali, ortografici o di sintassi, sono sinonimo di superficialità, caratteristica solitamente ‘poco’ apprezzata dai datori di lavoro.

Ora sai esattamente come scrivere una lettera di presentazione; non ti resta che iniziare ad impostare il testo e preparare la tua candidatura!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali