informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa fa il museologo: mansioni e responsabilità

Commenti disabilitati su Cosa fa il museologo: mansioni e responsabilità Studiare a Padova

Lavorare nei musei è il sogno di tantissimi giovani appassionati d’arte; ma cosa fa il museologo e quali sono nel dettaglio i profili che permettono di coniugare passione e professione?

Partiamo da una premessa, scontata ma indispensabile per introdurre l’argomento.
L’Italia vanta un patrimonio storico, artistico e culturale di inestimabile valore, che potenzialmente offre innumerevoli opportunità di occupazione, stimolanti e allo stesso tempo gratificanti.

L’arte è uno dei fattori per i quali il nostro Paese esercita una forte attrattiva sui turisti provenienti da ogni parte del mondo. C’è da dire anche che la vastità delle risorse culturali richiede continui interventi rivolti a tutelare, valorizzare e promuovere il territorio e i capolavori artistici che custodisce.

Da una simile premessa è facile intuire le svariate e numerose opportunità, in ottica occupazonale, per chi ambisce a lavorare nei musei e più in generale nell’ambito dei beni culturali.

Museologia e museografia

Per capire cosa fa il museologo è doveroso familiarizzare con la materia: la museologia.

In linea generale si tratta della disciplina che studia ogni aspetto e problematica relativi al museo.

Attenzione a non confondere il termine museologia con museografia; i due termini sono spesso utilizzati in maniera indistinta, soprattutto dai non addetti ai lavori.

Cerchiamo di comprendere la sottile differenza attraverso le definizioni riportate dal sito dell’enciclopedia Treccani:

Museografia

“La tecnica che si occupa scientificamente della costruzione e della sistemazione dei musei, comprendendo tanto lo studio dei problemi architettonici, costruttivi e tecnici della progettazione degli spazî espositivi, quanto quello delle questioni di ordinamento critico, scientifico, didattico o culturale delle collezioni, degli impianti tecnici e dell’organizzazione dei musei.”

La disciplina si focalizza sugli aspetti strutturali e tecnici che afferiscono al funzionamento del museo: arredo, sistema di illuminazione, esposizione, conservazione degli oggetti, struttura architettonica ecc.

Il primo utilizzo del termine nell’accezione di cui sopra risale al 1727, ad opera di Casper Friedich Neickel che lo inserisce nel suo libro ‘Museographia’.

Museologia

“La museologia è la disciplina rivolta a ogni aspetto della vita del m., al suo funzionamento e alle sue finalità.”

Treccani continua con una precisazione che attribuisce alla museologia un significato più ampio rispetto a quello relativo alla museografia:

“disciplina rivolta a ogni aspetto della vita del museo, al suo funzionamento e alle sue finalità.”

La diffusione del termine ‘museologia’ è collocata temporalmente nella prima metà del Novecento, quando a livello internazionale cresceva l’interesse verso le problematiche museali.

La disciplina si occupa sostanzialmente della storia, della vocazione del museo e della funzione del museo all’interno della società.

A questo punto è facile evincere la complementarietà delle due discipline e i motivi per i quali ancora oggi vengono spesso utilizzati indistintamente.

museologia

Lavorare nei musei

I musei possono essere suddivisi nelle seguenti tre tipologie:

  1. Pubblici (gestiti da ministero, regioni, province e comuni)
  2. Privati
  3. Ecclesiastici

Tralasciamo in questa sede la terza categoria e concentriamoci sulle prime due, analizzando le procedure previste per le assunzioni.

Per la selezione di profili specializzati in museologia il settore pubblico si avvale di concorsi.

Per quanto riguarda i poli gestiti dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo i concorsi indetti a livello nazionale vengono pubblicati sulla pagina ‘concorsi’ del sito ufficiale del MIBACT.

I concorsi indetti da regioni, province e comuni sono invece pubblicati sulla pagina dell’ente di riferimento e sulla Gazzetta Ufficiale.

Esiste un’ulteriore possibilità che permette di ottenere incarichi di breve durata tramite affidamento esterno; l’opportunità si riferisce prevalentemente a profili da assegnare alla catalogazione e/o alla redazione delle schede descrittive delle opere.
Anche se si tratta di incarichi temporanei l’esperienza rappresenta un potenziale trampolino di lancio per ottenere un impiego duraturo.

Diversa la procedura per il settore privato; l’accesso a posizioni aperte presso enti, gallerie, fondazioni e musei privati non prevede l’iter concorsuale ma la più immediata formula dell’assunzione diretta.

In tal caso ti consigliamo di monitorare la pagina ‘lavora con noi’ del museo al quale sei interessato.

Dal momento che i concorsi pubblici non sono così frequenti e che il settore privato richiede comunque professionalità specializzate e competenti, ti consigliamo di dare un’occhiata alle proposte di stage offerte sia dal Ministero che dagli enti attraverso le pagine di siti e portali ufficiali.

Le figure professionali

I profili che operano all’interno dei musei, pubblici e privati, sono molteplici; a seconda delle mansioni che svolgono possiamo distinguere:

  • Catalogatori
  • Restauratori
  • Conservatori
  • Educatori museali
  • Addetti alla biglietteria
  • Responsabili dell’accoglienza
  • Responsabili della biblioteca
  • Addetti alla segreteria
  • Responsabili dell’ufficio stampa
  • Web master
  • Addetti alla sicurezza
  • Curatore di mostre / addetto agli allestimenti

A capo di tutti i profili appena citati figura il direttore del museo.

Tra le varie professionalità richieste nel settore dei beni culturali segnaliamo un profilo particolarmente affascinante per chi è appassionato di arte: il curatore di mostre.

Si tratta di una figura professionale che si occupa di svolgere tutte quelle attività correlate alla progettazione di mostre, temporanee o permanenti.

Il suo ruolo si concretizza nella scelta della location espositiva, nell’allestimento degli spazi, nell’impostazione di strategie di marketing e promozione.

Potremmo definire il curatore di mostre come un manager che oltre ad avere potere decisionale e gestionale si occupa di coordinare i profili coinvolti nell’organizzazione della mostra.

La figura professionale in oggetto deve pertanto possedere spiccate doti organizzative e comunicative.
Per avere successo è fondamentale la creatività, da affiancare a doti da critico d’arte.

Come diventare museologo

Lavorare nei musei  è un’opportunità che consente di coniugare la carriera professionale con la passione per l’arte.

Per conseguire la specializzazione idonea ad assecondare le richieste del settore è disponibile il master in ‘Museologia, gestione e valorizzazione dei beni culturali’ attivato dall’Università Telematica Niccolò Cusano.

Si tratta di un corso post-laurea di primo livello, afferente alla facoltà di Scienze della Formazione, che si focalizza in maniera particolare sullo studio e l’analisi di casi pratici e sulle tecnologie che fanno riferimento all’ambito museale.

Il programma del master è strutturato per garantire al corsista le competenze necessarie per operare come museologo, nel contesto pubblico o in quello privato.

Di seguito, nel dettaglio, le materie oggetto di studio e approfondimento:

  • Museologia
  • Sociologia dei processi culturali
  • Antropologia culturale – Musei, cultura e culture
  • Gestione museale
  • Didattica museale
  • Allestimento museale: elementi di architettura e interior design
  • Legislazione BB.CC.
  • Musei, web e installazioni multimediali
  • Case study

Particolarmente formativo in ottica occupazionale l’approfondimento di case study reali e l’intervento di testimonials e professionisti del settore pronti a condividere la propria esperienza con gli studenti del master.

Il programma del master mira a fornire agli studenti conoscenze e competenze in merito agli strumenti e alle tecniche per la progettazione degli spazi espositivi (permanenti e temporanei).
Allo stesso tempo è previsto l’approfondimento dei modelli organizzativi più innovativi utilizzati a livello europeo.

Al termine del corso gli studenti avranno sviluppato le abilità necessarie per padroneggiare strumenti di progettazione nell’ambito del museum planning e del project enrichment.

Il master online in muselogia Unicusano prevede una quota di iscrizione di 2.100,00 euro, da corrispondere in quattro rate di pari importo.

E’ prevista una quota ridotta per i dipendenti della Pubblica Amministrazione e per i laureati presso l’Unicusano.

Sbocchi

La specializzazione conseguita attraverso il master erogato dalla Niccolò Cusano apre innumerevoli orizzonti occupazionali nell’ambito della gestione museale, e non solo.
La struttura didattica fornisce la preparazione idonea per poter lavorare come impiegato nei seguenti settori: valorizzazione culturale (archivi, biblioteche, musei di impresa), comunicazione inerente la valorizzazione del patrimonio culturale, progettazione museale, allestimento di mostre e collezioni sia permanenti che temporanee.

Il corso fornisce inoltre le basi sulle quali poter costruire una carriera da direttore di museo.

Per contattare il nostro staff e ricevere ulteriori dettagli in merito al master clicca qui e compila il modulo con la tua richiesta di contatto!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali