informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa sono le criptovalute?

Commenti disabilitati su Cosa sono le criptovalute? Studiare a Padova

Nel mondo finanziario, tra le novità più significative degli ultimi anni c’è sicuramente l’introduzione delle valute digitali. Ti sarai già chiesto cosa sono le criptovalute, ma non hai mai approfondito l’argomento, giusto?

In questa breve guida dell’Università telematica Niccolò Cusano di Padova, troverai le risposte che cercavi, approfondendo questo argomento sempre più discusso, sul web e offline.

L’argomento criptovalute anima le discussioni e i forum di questi ultimi anni. Si tratta, nello specifico, di valute digitali. In pratica, monete virtuali con le quali in teoria è possibile effettuare pagamenti.

Cosa sono le criptovalute

Il vocabolo criptovaluta o criptomoneta deriva dall’inglese cryptocurrency. Con questo termine si indica, in sostanza, una rappresentazione digitale di valore basata sulla crittografia.

Tra le criptovalute più famose troviamo il Bitcoin. Questa valuta digitale è stata ideata e pensata in una maniera che si pone come alternativa all’emissione di valuta tradizionale.

Le criptovalute, infatti, vengono emesse seguendo una politica di decentralizzazione, ovvero senza passare attraverso l’emissione e il controllo di una banca centrale.

Nato nel 2009 per opera di un informatico del quale è noto solo lo pseudonimo (Satoshi Nakamoto), il Bitcoin è basato sul protocollo proof-of-work (POW).

Il POW è una misura economica atta a scoraggiare attacchi denial of service (negazione di servizio) e altri abusi di servizio, come spam sulla rete, imponendo alcuni lavori dal richiedente del servizio.

Una caratteristica chiave di questo protocollo è la sua asimmetria: il lavoro deve essere moderatamente complesso (ma fattibile) dal lato richiedente ma facile da controllare per il fornitore del servizio (service provider). Questa idea è anche conosciuta come funzione di costo della CPU o client puzzle.

Dal 2009, successivamente all’arrivo dei Bitcoin (il cui numero è limitato a 21 milioni di unità), sono nate nel mondo tutta una serie di criptovalute ribattezzate altcoin, ovvero alternative coin.

Si tratta di monete digitali alternative al Bitcoin, da cui si differenziano per alcuni aspetti, oltre a utilizzare un sistema differente dalla blockchain.

Ma cos’è, innanzitutto, la blockchain?

Blockchain

La blockchain (letteralmente “catena di blocchi”) è una struttura dati condivisa e “immutabile”. È definita come un registro digitale le cui voci sono raggruppate in “blocchi”.

Questi blocchi sono concatenati in ordine cronologico e la loro integrità è garantita dall’uso della crittografia. Ciò rende i protocolli di emissione e sicurezza praticamente inattacabili.

Il bitcoin, quindi, è in pratica una serie numerica concatenata in maniera immutabile sotto forma di blocchi di bit all’interno di una catena (blockchain).

Chi possiede Bitcoin conserva questa serie numerica su un indirizzo internet che serve per fare o ricevere pagamenti.

Criptovalute: non solo Bitcoin

Tra le altre valute digitali sono da menzionare Ethereum e Ripple. Tecnicamente, come riporta Il Sole 24 Ore, Ethereum è un sistema collegato alla valuta Ether che consente di creare contratti intelligenti (smart contract) considerati a tutti gli effetti denaro digitale.

Ripple, invece, rappresenta sia una valuta digitale che un network di pagamenti. In sostanza è un protocollo internet open source basato su una valuta chiamata Ripple.

Come funzionano le criptovalute: il mining

Essendo a tutti gli effetti valuta digitale, è possibile investire sulle criptovalute o fare trading. La loro particolare natura fa sì che:

  • L’andamento delle criptovalute non è legato alla crescita o alla decrescita dell’economia di un Paese
  • I tassi di interesse e le politiche monetarie non hanno un impatto sul valore delle criptovalute
  • È possibile convertire le criptovalute in valute tradizionali

Abbiamo visto finora cosa sono le criptovalute e come funzionano queste valute dell’era digitale. Vediamo, ora, come avviene nello specifico il processo di creazione di moneta virtuale.

Il mining è il processo attraverso viene “stampata” moneta digitale. I miners, o minatori, sono indivisui o società che garantiscono questo iter informatico per la creazione delle monete, attraverso l’utilizzo di sofisticati pc. Per il lavoro svolto, i miners ricevono in compenso nuovi Bitcoin minati.

Il mining, quindi, si presenta come uno degli strumenti per la convalida delle transazioni nella rete di una criptovaluta. I miners creando nuovi Bitcoin agganciano, attraverso complicati calcoli, nuovi blocchi alla catena che contiene il registro con la trascrizione immodificabile di tutte le transizioni avvenute fino a quel momento.

In pratica si crea una catena continua che ha però un limite. Rispetto alle valute tradizionali, il Bitcoin ha un numero massimo di pezzi coniabili, limitati, come abbiamo già visto, a 21 milioni.

Non solo, ma tutto questo complesso protocollo comporta un elevato consumo di elettricità e un conseguente impatto ambientale.

Date le preoccupazioni economiche e ambientali associate al mining, esistono già varie criptovalute che superano il sistema di mining, ossia il proof-of-work, con il proof-of-stake (tra queste, vi è Ethereum).

Criptovalute: utilizzo

Le criptovalute vengono sostanzialmente utilizzate su internet attraverso circuiti esterni al sistema bancario, ponendosi come alternativa ai tradizionali sistemi di pagamento e di riserva di valore.

Se sei affascinato dalla realtà delle valute digitali, ora che hai ricevuto alcune informazioni utili sull’argomento, potresti iniziare ad investire in criptovalute o, magari, approfondire ancor di più questo tema.

Credits immagine: DepositPhoto.com/Autore stevanovicigor

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali