informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una mail formale in 5 passi

Commenti disabilitati su Come scrivere una mail formale in 5 passi Studiare a Padova

Nell’era di internet gran parte della comunicazione avviene tramite posta elettronica; ecco perché in questo post ti spiegheremo come scrivere una mail formale.

I momenti e i contesti in cui può nascere l’esigenza di scrivere una lettera che rispetti i canoni di formalità sono svariati; può ad esempio capitare in ambito lavorativo, in ambito universitario o per autocandidarsi per un colloquio di lavoro.

Può sembrare un’operazione semplice, ma non è affatto così.

Pensiamo per un attimo al modo in cui quotidianamente comunichiamo con amici, parenti e colleghi di lavoro.
Grazie a WhatsApp e ai vari sistemi di messaggistica istantanea tutto è più veloce e immediato.
Purtroppo però la velocità va a discapito della comunicazione, che diventa un insieme confuso di  abbreviazioni, acronimi, emoticon, errori ortografici e grammaticali.

La cosa più particolare è che siamo ormai talmente abituati ad andare di corsa che neanche facciamo caso ad una ‘e’ che indica il verbo essere senza il suo accento.
Siamo diventati esperti nel decifrare la cripticità dei messaggi, al punto che lo facciamo in maniera automatica e senza il minimo sforzo.

La conclusione del concetto è che se da un lato le chat consentono una buona ottimizzazione dei tempi, dall’altro ci hanno disabituato a scrivere e comunicare correttamente.

Capita quindi di ritrovarsi in seria difficoltà, assaliti da mille dubbi, di fronte alla redazione di un testo ‘formale’, nel quale non sono ammesse sigle nè tanto meno faccine sorridenti.

Come redigere una mail formale

Scrivere uma mail formale significa prestare attenzione ad una serie di elementi e dettagli.

Dalla redazione dell’oggetto alla scelta delle formule di apertura e chiusura, il processo di scrittura richiede un discreto impegno.

In linea generale l’impostazione di una lettera formale inviata tramite posta elettronica segue le stesse regole stilistiche di una lettera formale cartacea.

Analizziamo nel dettaglio la struttura e le dritte per redigere le varie sezioni.

1 – Oggetto

Prima di iniziare a scrivere una mail bisogna impostare l’oggetto, un elemento quasi sempre sottovalutato e trascurato.

La tendenza comune è scriverlo frettolsamente, mettendo in fila due o tre parole generiche per riempire il campo.

Si tratta di un grave errore, perché in realtà l’oggetto è importantissimo, soprattutto quando non è scontato che il destinatario apra la mail per leggerne in contenuto.
Per comprendere meglio il concetto è sufficiente pensare ai casi in cui tramite la lettera si desidera proporre qualcosa: una collaborazione professionale, un prodotto oppure un servizio.
In tal caso bisogna incentivare il destinatario ad aprire la mail, e chiaramente l’unico modo per convincerlo è scrivere un oggetto ‘attraente’.

Per quanto riguarda le linee guida bisogna rispettare la regola del ‘breve, chiaro e conciso’, ovvero sintetizzare in poche parole il contenuto.

2 – Formula di saluto

Il primo approccio con il destinatario è rappresentato dal saluto iniziale, che non può assolutamente mancare.
È un grave errore, oltre ad essere sinonimo di mancata educazione, iniziare immediatamente con il contenuto del messaggio.

Generalmente si utilizza un ‘aggettivo di circostanza’ seguito da un appellativo.

Partiamo dagli aggettivi:

  • Spettabile (Spett.le): è utilizzato quando ci si rivolge ad un’azienda o ad un ente per cui è seguito dal nome della ditta.
    Non può essere utilizzato per rivolgersi ad una persona.
  • Egregio: è utilizzato quando ci si rivolge a una persona che non si conosce o nei confronti della quale è richiesta una certa formalità.
  • Gentile: è utilizzato quando si desidera essere meno distaccati ma comunque rispettosi.
    Non a caso è l’aggettivo di circostanza più utilizzato.
  • Caro/a: è utilizzato nei casi in cui con il destinatario esiste già un rapporto di conoscenza e anche una certa familiarità.
    Si consiglia comunque di utilizzarlo con oculatezza, valutando di volta in volta il contesto.

Eccessivamente pomposi, oltre che desueti, aggettivi come ‘pregiato’, ‘illustre’, ‘esimio’.

Per quanto riguarda l’appellativo è possibile scegliere tra un semplice ‘signor/signora’ o un titolo professionale come ad esempio ‘dottore’, ‘ingegnere’, ‘avvocato’.

3 – Corpo centrale

Subito dopo i saluti si passa alla presentazione.
Si tratta di un passaggio fondamentale finalizzato a chiarire la propria posizione nei confronti del destinatario.
Ad esempio quando la mail è rivolta ad un professore universitario la frase di presentazione sarà ‘sono uno studente del corso di … della facoltà di …’.

La presentazione può essere omessa se il mittente è già noto, ed è quindi immediatamente riconoscibile dal destinatario.

Si procede poi con il motivo per il quale si scrive, ovvero con la descrizione dettagliata di ciò che è stato introdotto dall’oggetto.

Durante la redazione del corpo centrale bisogna prestare attenzione ad una serie di aspetti.
È fondamentale essere concisi, evitando così di annoiare il lettore con inutili giri di parole.
Le frasi più utilizzate e più immediate in tal senso sono: ‘le scrivo per illustrarle …’, ‘la contatto perché …’.

Un altro aspetto a cui prestare attenzione è l’organizzazione del messaggio, ovvero la formattazione.
Suddividere il testo in paragrafi è la soluzione ideale per agevolare la lettura e allo stesso tempo per rendere il messaggio più gradevole visivamente.

impostazione lettera formale

4 – Formula di chiusura

La parte conclusiva della mail è destinata ai saluti.

Così come per i saluti iniziali anche per la formula di chiusura esistono varie possibilità:

  • Distinti saluti: utilizzata soprattutto nei contesti molto formali.
  • Cordiali saluti / un cordiale saluto / la saluto cordialmente: è la formula più utilizzata che si adatta perfettamente alle situazioni formali.

In molti casi i saluti sono accompagnati da un ringraziamento o da una frase che lasci intendere al destinatario il desiderio di ricevere una risposta.

Ecco qualche esempio: ‘La ringrazio in anticipo per la sua attenzione e la saluto cordialmente’ oppure ‘In attesa di un suo gentile riscontro la saluto cordialmente’, o ancora ‘Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti’.

5 – Rilettura e correzione

Concludiamo la nostra guida con un passaggio importantissimo: la rilettura della mail.

Anche se sembra superfluo sottolinearlo, inviare una mail formale piena di refusi è sinonimo di superficialità e approssimazione.

Ti consigliamo pertanto di leggere più volte il testo, con attenzione, per individuare e correggere eventuali errori di ortografia, grammaticali, lessicali o di punteggiatura.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali