informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Segreto di Stato: definizione e casi

Commenti disabilitati su Segreto di Stato: definizione e casi Studiare a Padova

Il segreto di Stato è un argomento discusso, controverso e complesso; criticato da molti e compreso da pochi è un concetto che si divide tra diritto e politica.

La tematica risuona spesso tra le notizie di cronaca e di attualità; talvolta è correlato a stragi irrisolte, altre volte a fatti di terrorismo. Qualunque sia l’ambito di applicazione mira in ultima analisi a tutelare la sicurezza nazionale.

Ma procediamo per gradi e cerchiamo di analizzare nel dettaglio cos’è e a cosa serve nel concreto.

Definizione

Come di consueto partiremo dalla definizione fornita da Wikipedia, che riportiamo integralmente di seguito:

“Il segreto di Stato è un vincolo giuridico che determina l’esclusione di una determinata notizia dalla divulgazione al di fuori dell’ambito dei soggetti autorizzati, ponendo delle sanzioni nei confronti di chi violi tale obbligo. Tale tipologia di segreto è solitamente giustificata dalla necessità di tutelare la sicurezza nazionale e la pubblica incolumità.”

Il vincolo è posto in essere dal Presidente del Consiglio dei ministri, mediante apposizione, opposizione o conferma dell’opposizione, su atti, documenti, notizie, attività, cose e luoghi la cui conoscenza non autorizzata può danneggiare gli interessi fondamentali dello Stato.

Gli interessi oggetto di tutela ‘segreta’ sono:

  • l’integrità della Repubblica (anche relativamente ad eventuali accordi internazionali)
  • la difesa delle istituzioni poste dalla Costituzione
  • l’indipendenza dello Stato rispetto agli altri Stati
  • la preparazione e la difesa militare dello Stato

L’istituto, considerato elemento di tenuta dell’intero sistema democratico, mira al raggiungimento di due finalità: regolare l’utilizzo del delicato atto politico e assicurarne effettività attraverso la limitazione dell’accesso a un numero di soggetti ristretto e ben definito.

Legge 124 del 2007

Il vincolo giuridico in oggetto è disciplinato dalla legge n. 124 del 3 agosto 2007 denominata ‘Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto’.

Il testo normativo attualmente in vigore riforma la legge 801 del 1977; comprende 46 articoli nell’ambito dei quali quattro sono quelli che regolamentano la materia:

  • art. 39 (Segreto di Stato)
  • art. 40 (Tutela del Segreto)
  • art. 41 (Divieto di riferire riguardo a fatti coperti dal Segreto)
  • art. 42 (Classifiche di segretezza)

La differenza sostanziale rispetto alla legge abrogata consiste nell’identificazioni di nuove tipologie di fatti che non possono essere oggetto di segreto; nel dettaglio la legge 124 del 2007 esclude dalla secretazione:

  • fatti eversivi dell’ordine costituzionale
  • fatti di terrorismo
  • delitti di strage comune e con finalità di attentare alla sicurezza dello Stato
  • associazioni a delinquere di stampo mafioso
  • scambio elettorale politico-mafioso

Tra le ‘novità’ introdotte dalla nuova legge il limite temporale della secretazione, prima totalmente inesistente.

La durata è stabilita in 15 anni, alla scadenza dei quali è possibile prorogare il segreto per altri 15.

Scaduto il limite temporale massimo (30 anni) è consentito l’accesso a documentazioni e informazioni attraverso una richiesta al Presidente del Consiglio.
Entro 30 giorni avviene la concessione a visionare gli atti, a meno che il Presidente, laddove si rimanga nell’ambito dei 30 anni complessivi, non dispone una proroga di ulteriori 15 anni; nel caso specifico la decisione deve essere accompagnata da una valida motivazione.

A prescindere dai termini il Presidente ha la facoltà di disporre la cessazione anticipata del vincolo nel momento in cui vengono a mancare i presupposti che ne hanno determinato l’istituzione.

La legislazione in analisi disciplina anche il rapporto tra  il segreto di Stato e il processo penale; l’autorità giudiziaria non può acquisire, né tanto meno utilizzare indirettamente, materiale (documenti, atti o notizie) sul quale è apposto il vincolo.

La nuova disciplina prevede inoltre che nel caso in cui la secretazione si ponga in contrasto con l’Autorità Giudiziaria, la decisione finale spetta alla Corte Costituzionale; quest’ultima rappresenta l’organo nei confronti del quale non è possibile opporre il segreto di Stato.

La nuova normativa annovera tra le modifiche la ridenominazione degli organi competenti:

  • Agenzia informazioni e sicurezza estera: AISE (ex SISMI)
  • Agenzia informazioni e sicurezza interna: AISI (ex SISDE)
  • Dipartimento delle informazioni per la sicurezza: DIS (ex CESIS)
  • Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica: CISR (ex CIIS)

segreti di Stato desecretati

Segreti di Stato desecretati: casi

Nel corso degli anni numerosi casi sono stati desecretati e i relativi documenti sono stati resi disponibili alla consultazione.

Tra i tanti ricordiamo il ‘Protocollo Farfalla’, desecretato dal Governo Renzi.
Dalla desecretazione è emerso un patto, tra i servizi segreti italiani e la mafia, secondo il quale venivano offerte somme di denaro ai boss più autorevoli del 41bis per ottenere in cambio informazioni.

Tra i casi desecretati ricordiamo quelli della direttiva emanata da Matteo Renzi il 22 aprile del 2014.

Attraverso una procedura straordinaria, le amministrazioni statali sono state obbligate a presentare, presso l’Archivio centrale dello Stato, la documentazione processuale e di indagine relativa alle seguenti stragi:

  • Piazza Fontana, Milano (1969)
  • Gioia Tauro (1970)
  • Peteano (1972)
  • Questura di Milano (1973)
  • Piazza della Loggia, Brescia (1974)
  • Italicus (1974)
  • Ustica (1980)
  • Stazione di Bologna (1980)
  • Rapido 904 (1984)

Tutti i documenti, processuali e di indagine, relativi ai casi appena elencati non sono più coperti dal vincolo di segretezza; sono pertanto disponibili alla consultazione da parte dei cittadini e di chiunque desideri approfondire e/o fare chiarezza su aspetti oscuri e irrisolti.

A livello internazionale citiamo il caso dell’omicidio di JFK, la cui desecretazione dei documenti è stata decisa dal Presidente George Bush.
Anche se alcuni atti sono ancora coperti dal segreto, la lettura dei primi documenti disponibili ha già lasciato emergere alcuni dettagli importanti, come ad esempio: un piano ordito dalla CIA per uccidere Castro attraverso la Mafia; l’operazione ‘Mangusta’ finalizzata ad avvelenare i raccolti dell’isola; la telefonata anonima ricevuta dall’FBI in merito all’imminente assassinio dell’agente accusato della morte del Presidente.

Lavorare nel settore della criminologia

L’argomento analizzato nel corso di questo post rientra tra gli approfondimenti del master in ‘Criminologia e sicurezza nel mondo contemporaneo’, un percorso post-laurea di primo livello, afferente alla facoltà di Giurisprudenza, attivato dall’Università Telematica Niccolò Cusano.

Il corso è indirizzato a coloro i quali intendono operare nell’ambito della criminologia, come esperti studiosi dei fenomeni criminosi.

La struttura didattica del master è focalizzata sull’analisi delle tipologie di crimine più allarmanti a livello sociale e più complessi a livello interpretativo.

Il programma parte da un’introduzione generale sugli aspetti storici e metodologici della criminologia per arrivare ad affrontare argomenti quali:

  • la genetica forense e la scena del crimine
  • la medicina legale e forense
  • le neuroscienze
  • i modelli comportamentali dei serial killer
  • stalking e femminicidio
  • il concetto di identità nelle indagini scientifiche
  • la sociologia della sicurezza urbana
  • il controllo del territorio sotto il profilo operativo
  • l’immigrazione e la criminalità
  • le nuove forme di reato
  • le criminalità emergenti
  • le strategie di contrasto alla corruzione
  • le indagini difensive
  • la raccolta e l’analisi delle testimonianze
  • la disciplina in materia di armi
  • i culti distruttivi o abusanti
  • gli abusi sui minori e la questione dei minori devianti
  • il segreto di Stato
  • il terrorismo e le attività di intelligence
  • le forme di criminalità economica
  • la gestione manageriale dell’ordine pubblico
  • la criminalità informatica
  • i reati contro l’ambiente
  • l’approccio medico legale

Si tratta in altre parole di un percorso di specializzazione estremamente completo che tratta tutti gli aspetti legati alle varie manifestazioni di crimine.
Per tale caratteristica il master online Unicusano in Criminologia apre a numerose e svariate opportunità lavorative.

Tra i plus del percorso di studi la possibilità di accedere alla formazione a distanza, modalità formativa che consente di studiare comodamente online, attraverso una piattaforma telematica pratica e intuitiva.

Nel caso fossi interessato a ricevere ulteriori informazioni e dettagli in merito al corso puoi contattare il nostro staff attraverso il modulo online che trovi qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali